Astaldi buca il brennero La leader del raggruppamento si aggiudica un appalto da 1 miliardo. Opere sotterranee da Fortezza al Confine di Stato.

Astaldi,leader del raggruppamento di imprese costituito da Ghella, Oberosler, Cogeis e PAC, è risultata prima classificata nell’ambito della gara per l’aggiudicazione dei lavori di realizzazione del lotto “Mules 2-3” della galleria del Brennero, del valore di circa 1 miliardo di euro, di cui il 42,5% in quota Astaldi . L’appalto prevede la realizzazione di tutte le opere in sotterraneo nel tratto italiano della Galleria ferroviaria del Brennero, nel tratto da Mezzaselva (Fortezza) al confine di Stato. La durata dei lavori è stimata pari a 7 anni. Le opere saranno eseguite dal raggruppamento di imprese costituito da Astaldi  (42,5%, mandataria) e dalle imprese italiane Ghella (42,5%), Oberosler Cav. Pietro (5%), Cogeis (5%) e Pac (5%). I lavori saranno avviati a valle della firma del contratto, prevista a valle delle verifiche di legge. La galleria del Brennero ha un costo complessivo di 8,8 miliardi di euro, finanziati al 40% dall’Unione europea e per il restante 60% da fondi resi disponibili da Italia e Austria (2,65 miliardi di euro a carico dell’Italia). L’opera, di cui si prevede l’attivazione nel 2025, costituirà il nuovo collegamento ferroviario tra l’Italia e l’Austria nell’ambito del Corridoio 5 Helsinki-La Valletta e rappresenterà il tunnel ferroviario più lungo del mondo con i suoi 64 chilometri di lunghezza tra i portali di ingresso di Fortezza e Innsbruck e i circa 200 chilometri complessivi di gallerie. La notizia ha messo le ali al titolo Astaldi  in borsa, ora in crescita del 4,43% a 4,386 euro.