BANCA POPOLARE DI VICENZA, BUSSANO FONDI AMERICANI Manifestato interesse per la fusione con Veneto Banca.

Un pool di quattro fondi americani ha manifestato l’interesse ad acquistare in blocco, dal fondo Atlante, la Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca per poi fonderle. Lo scrive il Corriere della Sera spiegando che si tratta dei fondi di private equity Atlas Merchant Capital, Warburg Pincus e Centerbridge e dell’hedge fund Baupost. Già a maggio questi fondi avevano bussato alle porte di Quaestio per trattare l’ingresso nel capitale di Vicenza. Ora tornano alla carica mentre Atlante, dopo la Vicenza, ha salvato anche Veneto Banca, arrivando in entrambi i casi quasi al 100% del capitale. Per ora i fondi hanno presentato una semplice manifestazione di interesse, pronta a trasformarsi in offerta formale. Non è chiaro, prosegue il giornale, se nel perimetro siano comprese le sofferenze in carico alle banche. Possibile che questo rientri in un negoziato, anzi che ne sia parte essenziale e che finisca sulla bilancia insieme al prezzo delle azioni. Intanto è partito il nuovo corso sotto la regia di Atlante. Alla presidenza è stato designato l’attuale vicepresidente di Edizione Holding, Gianni Mion, che avrà come proprio vice l’ex Commissario Consob Salva­tore Bragantini. Gli altri consiglieri indicati sono Niccolò Abriani, Luigi Arturo Bianchi, Marco Bolgiani, Carlo Carraro, Rosa Cipriotti, Massimo Ferrari, Francesco Micheli e Alessandro Pansa. Unica conferma è invece quella dell’a.d. Francesco Iorio, designato al timone dell’istituto .