BANCO BPM, ARIA DI TRADING Prezzi dei titoli disallineati: 1 azione del Banco ogni 6,386 di Bpm Castagna deve convincere ex dipendenti e pensionati milanesi.

Dopo sei mesi dalla proposta di fusione fra il Banco Popolare  e Bpm , tutte le approvazioni regolamentari sono arrivate e il 15 ottobre l’assemblea prenderà la decisione finale sulla fusione e il cambio di governance. Gli analisti di Kepler Cheuvreux, scrive MF,  sono fiduciosi su un voto positivo di entrambe le assemblee straordinarie e si aspettano che il costo del diritto di recesso possa essere ridotto al minimo.Gli esperti rilevano poi che esiste un 5,5% di disallineamento nei prezzi dei due titoli rispetto al concambio annunciato dalle banche, ovvero 1 azione del Banco ogni 6,386 di Bpm . E questo potrebbe essere considerato oggi un’interessante possibilità di trading. Kepler sottolinea che il livello e mix di presenti sarà cruciale nel caso dell’assemblea della Popolare di Milano perché dei suoi 47.000 soci aventi diritto di voto 7.000 sono dipendenti della banca e 1.000 pensionati ex dipendenti. Alcuni di questi vedono la fusione come un pericolo per il proprio posto di lavoro e per i benefit.Poiché i partecipanti all’assemblea, ricordano gli analisti, sono 4.000 di solito ed esprimono 8.000 voti (le deleghe di voto sono fino a dieci a persona), la capacità di convincere i colleghi sarà un elemento chiave. Kepler ha comunque fiducia in un esito positivo, ritenendo che la maggior parte dei benefit dovrebbe essere confermata.E quello che sarà il nuovo Ad, Giuseppe Castagna è già al lavoro nell’opera di convincimento.