Banco bpm, bond di successo Si è concluso il collocamento della prima emissione subordinata Tier” per un ammontare di 500 milioni

Concluso con successo il collocamento della prima emissione subordinata Tier2 del Gruppo Banco BPM. Banco BPM S.p.A., oggi presieduta dall’avvocato Carlo Fratta Pasini, comunica di aver portato a termine oggi un’emissione obbligazionaria subordinata di tipo “Tier 2” con scadenza a 10 anni (rimborsabile anticipatamente al quinto anno), per un ammontare di 500 milioni di euro. L’obbligazione paga una cedola fissa del 4,375% e ha un prezzo di emissione pari a 100.00% equivalente a uno spread del 4,179% sopra il tasso swap a 5 anni. L’operazione ha visto una forte domanda, a conferma dell’elevato interesse nei confronti del Gruppo, proveniente da circa 130 investitori istituzionali e ordini per oltre 1 miliardo di euro, allocati con la seguente ripartizione geografica: Italia (63%), Regno Unito e Irlanda (18%), Benelux (9%), Spagna (2%), Germania-Austria-Svizzera (6%), Francia (1%), Paesi Nordici 1%. L’allocazione per tipo d’investitore è la seguente: fondi d’investimento (67%), banche e banche private (28%), assicurazioni e fondi pensione (2%), altro (3%). L’obbligazione che è riservata agli investitori istituzionali e fa parte del Programma EMTN di Banco BPM S.P.A. sarà quotata alla borsa di Lussemburgo. In ragione dello status subordinato, i rating attesi dell’obbligazione sono i seguenti: B2 (Moody’s), BB (DBRS). Banca Akros, Barclays, Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan, e Societe Generale hanno agito in qualità di joint bookrunner.