BANCO-BPM, UOVO DI PASQUA Secondo gli analisti di Exane Bnp Paribas “tolto l’involucro sgradevole c’è un’interessante proposta di investimento”

Un’interessante proposta di investimento. Così Exane Bnp Paribas  intitola un report  di ierisul duo Banca popolare di Milano  e Banco Popolare  nel quale ha alzato del 29% a 1,15 euro il target price della prima (rating outperform confermato), mentre ha abbassato del 6% a 11,8 euro il target price della seconda (rating outperform).La Bce ha dato il via libera alla tanto attesa fusione tra le due banche, ma ha anche chiesto un aumento di capitale da 1 miliardo di euro. L’aumento di capitale sarà effettuato dal Banco Popolare  prima dell’integrazione a maggio (una parte potrebbe essere senza diritto di opzione), ma la diluizione è in pratica condivisa da entrambi i gruppi di azionisti (gli azionisti del Banco avranno il 54% della newco). L’apporto di capitale sarà utilizzato per aumentare la copertura sui crediti deteriorati dal 36% al 41% con il management che ha già pianificato di ridurre i non performing loans di 10 miliardi di euro entro il 2019 anche attraverso cessioni. Un nuovo business plan sarà presentato entro la fine di aprile, l’assemblea si terrà nel mese di novembre e la fusione dovrebbe essere completata entro la fine dell’anno.Comunque “l’uovo di cioccolato è delizioso”, si legge nella nota di Exane Bnp Paribas . Infatti, “una volta che l’involucro sgradevole verrà rimosso, vediamo un’interessante proposta di investimento. La nuova banca che nascerà dalla fusione avrà un bilancio privo di rischio e una forte posizione competitiva nel nord d’Italia”.