BCC, A VERONA LA CONTA PER UN GRUPPO AUTONOMO

La Cassa Centrale Banca di Trento presieduta da Giorgio Fracalossi non sembra scartare l’ipotesi di un gruppo autonomo nonostante nel vertice in Banca d’Italia le parti, convocate dalla vigilanza, si siano date appuntamento per nuove riunioni allo scopo di vedere se vi siano spazi per la costituzione di un gruppo unico nell’ambito della riforma del settore. E così la Cassa ha confermato l’appuntamento del 13 ottobre a Verona dove chiamerà a raccolta molte realtà bancarie di tutta Italia e in special modo del Nord est che dovrebbero ammontare a un’ottantina di soggetti. È difficile dire se la conta servirà per andare avanti nella costituzione di un gruppo alternativo a quello disegnato da Federcasse e Iccrea oppure servirà per rendere più forte le posizioni della Cassa al tavolo di trattativa che resta comunque aperta. Attorno a Cassa si potrebbero infatti coagulare le banche più floride rendendo meno solido il progetto del gruppo Iccrea. Una circostanza non ben vista dalla Banca d’Italia che però, secondo la normativa, non può imporre la costituzione di un gruppo unico.