CARIGE, CORRE ANCHE VOLPI C’è da rinnovare il consiglio di amministrazione. Intanto la Bce ha chiesto a breve un nuovo piano industriale e chiarezza.

Dopo la famiglia Malacalza anche Gabriele Volpi scende in campo per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Banca Carige . Confermando le anticipazioni di MF-DowJones e MF, l’imprenditore ligure e patron dello Spezia Calcio, socio della banca al 6%, ha ufficializzato un patto di sindacato su 62,8 milioni di azioni Carige  pari al 7,5729% della banca. Nel patto c’è anche la famiglia Spinelli, titolare del Gruppo Spinelli, la cui quota dovrebbe aggirarsi intorno al 2%. L’accordo è finalizzato alla presentazione di una lista comune guidata da Claudio Calabi, attuale presidente di Risanamento, e composta da Alberto Mocchi, Sara Armella, Giuseppe Pontremoli e Elena David. Dal materiale informativo depositato si evince anche che la partecipazione detenuta da Volpi attraverso la holding Compania Financiera Lonestar è nel frattempo salita dal 5% al 6%. La quota della famiglia Spinelli è, invece, così suddivisa: Spininvest ha lo 0,53%, Aldo Spinelli allo 0,48%, la moglie Leila Cardellini allo 0,51% e il figlio Roberto Spinelli allo 0,04% circa. Solo qualche giorno fa è stata presentata la lista del socio di maggioranza, Vittorio Malacalza, che prevede Giuseppe Tesauro alla presidenza e Guido Bastianini come ad designato. A Piazza Affari il titolo Banca Carige  non riesce a recuperare terreno: perde il 7,19% a 0,529 euro dopo il ko di venerdì innescato dall’intervento della Bce che ha richiesto a breve un nuovo piano di funding ed entro maggio un piano industriale e chiarezza sugli orientamenti strategici.