CATULLO GESTIRA’ MONTICHIARI La società veronese nominerà l’amministratore delegato

SAVE con Enrico Ma­rchi Aeroporto Catullo di Verona Villafranca con Paolo Arena e Società Aeroporto Br­escia e Mo­ntichiari (AbeM) – società partecipata da CCIAA di Brescia, Associazione Industriale Bresciana, Comune di Brescia e altri azionisti istituzionali – hanno sottoscritto un accordo per la gestione futura dell’aeroporto “Gabriele D’A­nnunzio” di Brescia Mo­ntichiari. L’accordo, condizionato all’ottenimento di tutte le necessarie autorizzazioni, prevede la ge­stione dell’aeroporto di Brescia- Montichiari attraverso una joint venture in cui ABeM parteciperà al 20% e Catullo all’80%. Il valore della partecipazione di ABeM è 6.000.000 di euro .L’accordo sottoscritto prevede che la gestione dell’aeroporto di Br­escia-Mon­tichiari spetti alla Catullo, che nominerà l’amministratore de­legato della joint venture. L’aeroporto “D’An­n­unzio”, lo ricordiamo, si trova nel territorio di Montichiari (Br­escia); l’infra­struttura di volo è costituita da una pista di 2.990 metri e da piazzali per la sosta adatti ad ospitare contemporane­amente cinque aeromobili di grandi dimensioni (B747). Nel sedime è presente un terminal passeggeri la cui superficie è pari a circa 7.500 mq ed ha una capacità annua pari a 1,5 milioni di passeggeri. Sono presenti ulteriori aree adibite a magazzini merci per un totale di oltre 10.000 mq con una capacità di oltre 100.000 tonnellate. Nel corso del 2015 sono state movimentate circa 30.000 tonnellate di merce. La joint venture valorizza il ruolo dell’aeroporto di Brescia all’interno del polo aeroportuale del Nord Est.