CHI É CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SÈ STESSO di Achille Ottaviani

Per quanto riguarda le nostre banche disastrate, modello Banca Etruria, Pop Vicenza e Veneto Banca alcuni italiani hanno “fottuto” altri italiani. Qui non centra la crisi economica, i fondi internazionali, gli speculatori. Come sempre, anche in tempo di guerra, c’è chi se ne frega del prossimo e si arricchisce. Poi ci sono gli altri che finiscono, si diceva una volta, sul lastrico. Dopo gli istituti toscani è la volta delle banche venete con la vicentina che non riesce ad entrare in Piazza degli Affari (forse è meglio così per ora), e Veneto Banca che dopo un’assemblea “corrida” ri­cam­bia in toto il suo vertice. Per paradosso arriva Stefano Ambrosini, “un paolino” con super pedigree internazionale,  torinese, dominus della compagnia di San Paolo alla presidenza della banca tanto amata da Zaia. Insomma una tragicommedia bancaria dove migliaia di persone ci hanno rimesso penne e patrimonio. Un dramma che ci fa ricordare il filosofo Giambattista Vico che secoli fa certificava i corsi e ricorsi della storia che alla fine si ripetono.