CON IL PASSANTE DI MESTRE CAV METTE L’UTILE IN CASSA

Ricavi in crescita ma utile in leggera diminuzione per Cav, Concessioni autostradali venete, la società che gestisce la A4 Passante di Mestre e la A57, che ha chiuso l’esercizio 2015 con un valore della produzione pari a 147,9 mln (+5,5%), ed un utile netto di circa 11,9 milioni di euro, in calo rispetto ai 13,2 mln del 2014. Sono i dati del bilancio 2015 approvati all’unanimità dal cda di Cav, presieduto da Luisa Serato.I ricavi da pedaggio (al netto dell’Iva e dell’integrazione del canone di concessione Anas) sono stati 126,8 mln, in aumento del 5,8%. Il dato – spiega una nota della società – è dovuto sostanzialmente alla ripresa del traffico (+3,14%).Per quanto riguarda gli altri proventi autostradali, il valore complessivoè stato pari a 6,7 mln (6,3 mln nel 2014), dovuti in gran parte ai 4,2 mln di proventi da royalties su attività svolte presso le aree di servizio. Le spese per le manutenzioni annuali e a cadenza periodica sono passate dai 7,5 mln dell’anno precedente a 9,3 mln (+23,4%).