GLI AGRITURISMI FANNO IL PIENONE

Boom di prenotazioni negli agriturismi veronesi per le vacanze pasquali. In molte strutture si è registrato il tutto esaurito per Pasqua e Pasquetta, con una massiccia presenza non solo di italiani, ma anche di tedeschi, austriaci, olandesi e spagnoli, attratti da contesti naturalistici, dall’enogastronomia di qualità e dalle molte attività collaterali offerte dalle aziende.Secondo l’osservatorio di Agriturist, l’associazione agrituristica di Confagricoltura, la crescita rispetto al 2015 potrebbe arrivare fino al 20 per cento. “Abbiamo già il pienone – ha confermato Alberto Sartori, vicepresidente di Agriturist Verona e titolare della tenuta La Pila -, con tanti italiani ma anche parecchi stranieri. Non ci era mai accaduto neppure con Pasque più tardive, che cadevano in aprile e con temperature più calde. Le prenotazioni sono per periodi spesso brevi, forse perché c’è la tendenza a spezzettare le vacanze in weekend, con richieste di ristorazione e attività collaterali. A noi molti hanno chiesto la possibilità di utilizzare il maneggio per i bambini, ma tanti vogliono sapere se organizziamo escursioni cicloturistiche o naturalistiche. Quello che notiamo è il desiderio di cibi genuini e di escursioni all’aria aperta, in linea con le tendenze salutistiche di uno stile di vita sano. E gli agriturismi, in questo senso, sono la risposta ideale”. Secondo i dati della regione Veneto, aggiornati al 31 dicembre 2015, le strutture agrituristiche in Veneto sono 1497, di cui 402 in provincia di Verona, caposaldo regionale per numero di agriturismi con un incremento del 12,61 per cento negli ultimi tre anni.