IL NUOVO CANALE DI PANAMA È PROPRIO MADE IN FRIULI

Conto alla rovescia per l’apertura del nuovo Canale di Panama, un mega investimento in infrastrutture destinato a cambiare il traffico marittimo mondiale. Un’opera faraonica in cui c’è il meglio dell’ingegno, e dell’ingegneria, made in Italy. Comprese le gigantesche paratie realizzate interamente in Friuli Venezia Giulia, negli stabilimenti pordenonesi della Cimolai spa, e poi trasportate al porto di San Giorgio di Nogaro dove, caricate su grandi navi transoceaniche, sono partite alla volta di Panama. Ma la gara internazionale ha visto altre eccellenze italiane protagoniste, come Impregilo, Mapei e la Sc Sembenelli Consulting, insieme alla spagnola Sacyr e la belga Jan de Nul. Complessivamente l’investimento – partito nel 2009 – ammonta a oltre 3.300 milioni di euro. Sono 16 le paratie che disciplineranno l’ingresso e l’uscita delle navi dal Canale.Ogni paratoia misura 30 metri circa di altezza, 60 di larghezza e 10 di spessore, per un peso di circa 4.500 tonnellate.Del valore dell’opera, la parte delle paratie affidata a Cimolai vale circa 400 milioni di euro.