ILLY, UN GUSTO DI SUCCESSO Fatturato consolidato di 437 milioni (+12% rispetto al 2014). Riassetto nella governance con Marina Salamon.

Illycaffé ha chiuso il 2015 con un fatturato consolidato di 437 milioni di euro, in crescita del 12% rispetto al 2014. L’ebitda è salito del 7% a 66,4 milioni di euro. La posizione finanziaria netta è negativa per 115 milioni, con un rapporto debito/Ebitda di 1,73%.
Questi i principali dati comunicati dall’azienda triestina che ha archiviato il 2015.Il mercato più dinamico è quello della Cina (+60% il fatturato).L’assemblea dei soci di Illycaffé ha varato un riassetto della governance: Andrea Illy è stato riconfermato presidente, mentre la carica di vicepresidente è stata assunta da Marina Salamon. Entra per la prima volta un amministratore delegato esterno, Massimiliano Pogliani, che ha maturato la propria esperienza professionale internazionale in Saeco, Nespresso, Nestle’ Super Premium e Vertu.Francesco Illy entra in consiglio con l’incarico della Brand Equity, mentre Anna Belci Illy è riconfermata per la Corporate Reputation e gli Acquisti Strategici. Riccardo Illy rappresenterà in consiglio l’azionista unico, Gruppo Illy SpA. Tra i consiglieri indipendenti, oltre a Marina Salamon, è stata confermata la presenza di Pierluigi Celli. I nuovi ingressi riguardano Alberto Baldan, amministratore delegato della Rinascente; Roberto Eggs, Chief Operating Officer di Moncler; Douglas T. Hickey, commissario generale del Padiglione USA a Expo Milano 2015.