Industria 4.0: aziende veronesi spopolano

Saranno 21 le aziende della provincia di Verona che parteciperanno a MECSPE (Fiere di Parma, 22-24 marzo 2018), il più grande appuntamento dedicato all’industria manifatturiera 4.0 che quest’anno si presenta con oltre 2000 aziende espositrici suddivise in 12 saloni tematici, 28 unità dimostrative, 5 Piazze dell’ Eccellenza, 58 convegni e workshop e 110.000 mq di superficie espositiva. Si tratta di SAVIM EUROPE SRL (Arbi­zzano), LOGIMA SRL (Arbizzano), CURVELINE SRL (Bonavigo), TEK SERVICE SRL (Castel d’azzano), DE SANTI LUIGI & C. SNC (Castelnuovo), CAUCCHIOLI DINO CONTENITORI METALLICI (Cerea), M.G.M. SRL (Gazzo), IES SRL (Legnago), RIELLO SISTEMI SPA (Minerbe), OFFICINA MECCANICA CIOETTO CLAUDIO (Roveredo di Guà),TECNOLAM SRL (Roveredo di Guà), METALPRESS SPA (San Giovanni Lupatoto), MIRANDOLA FILETTATURE SRL (San Bonifacio), HELLER ITALIA MACCHINE UTENSILI SRL (San Pietro Incariano), GOBBI GINO & C. S.A.S. (Sanguinetto), ELETTROLASER SRL (Sona), RPS METROLOGY SRL (Sona), VOLPE & MOSCHIN SRL (Vallese di Oppeano), COSMEC SRL (Verona), L.B.Z. LAVORAZIONI MECCANICHE SRL (Verona) e SIPRO SRL (Verona). Un’esperienza sempre più immersiva, che proporrà tutte le novità sul fronte della digitalizzazione e dell’innovazione, con nuove iniziative in ottica 4.0, volte a rendere ancora più sinergico e attivo il percorso di visitatori, aziende ed espositori e 12 Saloni tematici, per i quali si prevede una migliore suddivisione all’interno del quartiere fieristico, con la costruzione di un nuovo padiglione per permettere un’esplorazione più fluida e un maggiore orientamento. A cominciare dalla “Fabbrica Digitale 4.0”, con 9 filiere e più di 50 partner, pronti a confrontarsi sui sistemi e sulle novità in materia di integrazione digitale che contribuiscono a progettare l’industria di domani, mostrando il ruolo determinante delle tecnologie abilitanti 4.0 nei diversi settori e contesti applicativi. Tra i temi al centro, connettività e strumenti per la piccola impresa, robotica collaborativa in un ambito di produzione parametrizzata e/o di piccoli lotti, sviluppo prodotto con metodica 4.0, simulazione di prodotti e processi, tracciabilità, manutenzione, additive manufacturing e logistica 4.0. Tra le iniziative speciali rivolte alle materie plastiche, MECSPE presenterà “l’Arena dell’Economia Circolare 4.0”, un ciclo di incontri realizzato in collaborazione con la testata Plastix in occasione dei suoi 40 anni di attività in cui discutere di circular economy. Il tema del riutilizzo dei flussi di materiale, a cui le tecnologie abilitanti del 4.0 possono dare un importantissimo contributo anche in termini di innovazione, riprogettazione e armonizzazione dei cicli di produzione delle materie plastiche, verrà discusso grazie all’apporto di associazioni e aziende all’interno dell’Arena progettata dal designer e architetto Michele De Lucchi. All’interno dell’Arena sarà possibile apprendere in chiave 4.0 tutte le tecnologie a disposizione per una progettazione “circolare” che passi per le tecnologie di lavorazione, i materiali e il ciclo di vita del prodotto per giungere al riutilizzo dei materiali. Fuori dall’Arena, è inoltre prevista un’area dimostrativa con esposizione di prodotti e un percorso divulgativo. Ma MECSPE è anche incontro e formazione: in occasione dell’inaugurazione della fiera, la mattina del 22 marzo, si terrà l’ultima tappa dei “Laboratori MECSPE Fab­brica Digitale, La via italiana per l’industria 4.0”, la roadmap promossa da Senaf iniziata nel 2017 con l’obiettivo di attraversare i territori strategici che stanno affrontando il percorso di adesione al Piano Nazionale Industria 4.0.