LA COMMISSIONE UE ORA ACCUSA GOOGLE

La Commisione Ue accusa formalmente Google su Android. Secondo Bruxelles, il colosso di Mountain View impedisce l’accesso al mercato a motori di ricerca rivali. L’annuncio dell’apertura di una procedura contro Google per “abuso di posizione dominante” nel mercato della telefonia mobile e servizi internet è arrivato dal commissario europeo per la Concorrenza, Margrethe Verstager, in una conferenza stampa a Bruxelles. Google, secondo l’antitrust europeo, “costringe gli operatori che usano il sistema operativo Android a preinstallare una serie di sue applicazioni su tablet e smartphone”, e dunque “i produttori degli apparecchi non sono liberi di scegliere” quali applicazione installare. Inoltre, “Google impedisce che i produttori usino programmi analoghi e concorrenti”. Per Vestager c’è poi “evidenza” del fatto che Google “offre incentivi” all’utilizzo delle applicazioni pensate per il sistema operativo Android. La Commissione ha dunque riscontrato un'”infrazione delle norme comunitarie” e ha aperto il contenzioso con la ditta statunitense, che ora avrà la possibilità di rispondere ai dubbi sollevati dall’Antitrust comunitario. Il commissario Ue per la Concorrenza ha chiarito che l’inchiesta avviata oggi “non è la fine” del contenzioso, ma piuttosto l’inizio, trattandosi dell’avvio di una fase preliminare di inchiesta.Google avrà 12 settimane di tempo per rispondere alle accuse mosse dalla Commissione europea.