MANTOVANI CAMBIA NOME PER DIMENTICARE IL MOSE

Far nascere una nuova Mantovani e ottenere la proroga di un anno della Cassa integrazione guadagni straordinaria (Cigs) per i lavoratori della società. E’ con questo duplice obiettivo che va letta la decisione presadal Consiglio di amministrazione del gruppo con sede legale a Mestre e uffici amministrativi a Padova di dare vita a una NewCo che sorgerà dalla cessione della Mantovani: nuovo nome e nuovo biglietto da visita da presentare sul mercato nel tentativo di scrollarsi di dosso un nome diventato ingombrante dopo lo scoppio dello scandalo Mose, ai tempi in cui la società era guidata da Piergiorgio Baita che per  frode fiscale ha già patteggiato 22 mesi mentre è ancora sotto processo per corruzione. Si tratta di una cessione dell’azienda che, nel caso della Mantovani, avverrebbe sempre nel perimetro della Holding Serenissima della famiglia Chiarotto, attraverso la nascita della newCo dopo che nei mesi scorsi sono falliti i tentativi di vendita alle società Cimolai e De Eccher.La delibera per la creazione delle NewCo è stata inviata al ministero del Lavoro.