OPA SU RCS, SI ATTENDE IL LAVORO DI CONSOB

l verdetto della Consob sull’offerta pubblica di scambio su Rcs Mediagroup depositato dalla Cairo Communication è atteso entro domani, termine ultimo per il parere sul via libera o meno del prospetto. O al più tardi all’inizio della prossima settimana. Per questo, le ore che mancano alla scadenza sono decisive per Urbano Cairo e i suoi advisor (Banca Imi, Equita e lo studio Bonelli Erede).”Sono in partita, vincere non so ma mi sento di combatterla”. Così Urbano Cairo, dopo l’assemblea di Confindustria sulla battaglia per Rcs, sottolineando che la sua offerta e’ diversa dall’ altra. “Loro offrono 0,70 e basta, noi offriamo un concambio con le azioni Rcs” che permetterà agli “azionisti di partecipare alla ristrutturazione”. Le nostre azioni, ha aggiunto, “hanno un valore, anche se sono sottovalutate”. Appena la Consob darà l’approvazione, ha concluso, “presenteremo il piano e racconteremo bene quello che faremo”.Tra l’Opa e l’Ops su Rcs ”non è una questioni di buoni contro cattivi, di grandi contro piccoli, ma un’operazione di mercato pura. Perché Bonomi entra con un fondo e quindi deve fare i conti. Adesso vediamo cosa decide il mercato”. Lo ha affermato Diego della Valle, schierato con Bonomi, Mediobanca, UnipolSai e Pirelli nell’offerta sulla casa editrice, alternativa a quella di Cairo.    “A me interessa che questa azienda vada bene” ”con una classe di giornalisti che non venga influenzata da nessuno, tanto meno dagli azionisti: se sono questi presupposti rimarrò in Rcs in eterno, altrimenti vado”, ha aggiunto.