PASSERA SULLA GRATICOLA Il banchiere insiste per avere il via libera, ma le condizioni rendono probabili uno stop. Tanti candidati alla presidenza

Banchieri e consulenti, a cominciare dal neo amministratore delegato di Mps, Marco Morelli, tutti riuniti per trovare una via d’uscita al piano di salvataggio della banca senese. Dal vertice d di Milano, a Me­diobanca, sono comunque filtrate notizie non proprio positive per la proposta avanzata dall’ ex ministro e ad di Banca Intesa Sanpaolo, Corrado Pa­s­sera. La triangolazione tra Passera, i vertici della banca e Jp Morgan non avrebbe sortito risultati apprezzabili, tanto che ci sarebbe stato un nuovo stop alla trattativa.Non è escluso che  il cda di Mps faccia il punto della situazione per verificare che esistano ancora reali porribilità di far convergere i due piani. Sicuramente il consiglio convocherà l’ assemblea per nominare il nuovo presidente al posto del dimissionario Massimo Tononi. La data più probabile resta quella del 24 novembre. I possibili candidati spaziano dall’ azionista Alessandro Falciai, alla consigliera Fiorella Kostoris, l’ex moglie del ministro Rommaso Padoa Schio­ppa,  fino a Corrado Passera, sempre che il suo piano abbia un s­eguito. Ap­provate le strategie per il prossimo triennio potrà ­quindi partire il piano di ricapitalizzazione. Infine l’ aumento di capitale sul mercato, che dovrebbe partire subito dopo il referendum costituzionale del 4 dicembre.In Borsa tutti i riflettori sonopuntati sul titolo della banca senese che ieri mattina guadagnava l’11%.