PER BPVI E VENETO BANCA LA GARANZIA È ATLANTE

Milano Finanza scrive che il fondo Atlante assicurerà il buon esito degli aumenti di capitale delle due banche venete. Nell’ambito dell’operazione della Popolare di Vicenza da 1,75 miliardi, Atlante agirà con il ruolo di garante di ultima istanza (back stop facility) e potrebbe ritrovarsi con una partecipazione di maggioranza nell’istituto veneto. Se questa eventualità dovesse concretizzarsi il fondo Atlante, che ha un orizzonte di investimento di cinque anni (più eventuali altri tre), agirà con le logiche tipiche dei private equity, puntando a valorizzare il proprio investimento favorendo il tournaround della banca acquisita e cercando una strategia di exit anche attraverso la successiva cessione dell’istituto risanato, nell’ambito del processo di consolidamento del sistema in Italia.Nel caso di Veneto Banca,  oggi guidata da Cristiano Carrus invece, l’impegno di Atlante potrebbe essere inferiore, grazie a una domanda da parte della componente retail che sembra essere maggiore.