Primo trimestre in calo maggio inverte la rotta

Nel primo trimestre Masi Agricola, l’azienda vitivinicola quotata sul Mercato Aim Italia, ha accusato un calo dei ricavi del 4% rispetto a un anno prima a 14,2 milioni di euro e una flessione dell’Ebitda, sceso a 3,4 milioni, da 4,4 milioni, ‘essenzialmente per la diminuzione dei ricavi’. Lo comunica l’az­ienda, tra i leader italiani nei vini premium, che rileva che il primo trimestre 2016 era stato ‘eccezionalmente positivo’. Sem­pre nel gennaio-marzo 2017 il margine Ebi­tda e’ diminuito al 24%, dal 30% di un anno prima (nell’intero 2016 si era collocato al 24%). La posizione finanziaria netta a fine marzo era negativa per 5,02 mili­oni, da quasi -6,6 milioni a fine dicembre 2016. A livello geografico, considerando le vendite, l’Italia segna un incremento nel trimestre, mentre tra le macroaree estere il calo piu’ deciso e’ in Europa. La societa’ ha aggiunto che a maggio ‘ha conseguito un valore degli ordini che a parita’ di perimetro sono superiori al maggio 2016 invertendo la tendenza precedente’. Masi, con Sandro Boscaini, rileva anche che ‘nell’attuale situazione dei mercati risulta sempre piu’ difficile prevedere la performance trimestrale. Al momento, quindi, e’ dell’avviso che non sussistono elementi strutturali che possano far ritenere di dover modificare sostanzialmente le proprie aspirazioni di crescita per il 2017′.