SLOW WINE, FARO ENOLOGICO PER GLI ESTIMATORI DEL VINO

Il Veneto si conferma un’ottima regione produttiva secondo Slow Wine. Storie di vita, vigne, vini in Italia, la guida pubblicata da Slow Food Editore: la vendemmia 2015 ha, infatti, prodotto in tutta la regione oltre 9 milioni di ettolitri di vino. L’Amarone della Valpolicella guadagna in qualità e l’area del Prosecco continua la sua espansione in tutta la regione con incrementi degli impianti senza precedenti. Ottima anche la produzione d’annata del Soave e del Gambellara, aiutati dal buon andamento climatico. In totale sono 15 le Chiocciole venete, ovvero il massimo riconoscimento per chi interpreta i valori di Slow Food.Slow Wine è un manuale imperdibile per esperti ed estimatori del mondo del vino, un vero e proprio faro nell’enologia moderna. Numerose le novità che animano la nuova edizione: «La più rilevante riguarda l’assegnazione dei due principali riconoscimenti della guida, ovvero le Chiocciole e i Vini Slow. Una delle condizioni per ottenerli è, infatti, l’abbandono dei diserbanti chimici in vigna: abbiamo pensato che fosse arrivato il momento di mettere paletti ancora più restrittivi per tutelare maggiormente il territorio e chi ci lavora», raccontano Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni, curatori della guida.