tutto cambia nulla cambia

Industria e Finanza dopo quasi vent’anni dall’inizio delle sue pubblicazioni cartacea e online, come ogni anno sospende le pubblicazioni fino a dopo ferragosto. Cerche­remo di ripo­sare anche se le angosce e le preoccupazioni sono molte. Nell’ul­timo anno nulla è cambiato. La politica continua il suo teatrino, l’economia avrebbe forti potenzialità, ma non viene aiutata. Gli squali della finanza e i fondi esteri fanno man bassa di quanto rimane della nostra povera Italia. Siamo rimasti un paese in svendita e non c’è speranza che vengano realizzate quelle riforme strutturali vere di cui avremmo bisogno come l’aria che respiriamo. Dall’autunno scorso il destino di alcuni istituti di credito, da Monte Paschi alle banche popolari sono stati uno degli argomenti principali. La Bce ha piantato con determinazione i suoi paletti e proprio mentre scriviamo do­vreb­be arrivare, dopo uno spaventoso bagno di sangue finanziario, la definitiva salvezza delle popolari venete come avvenuto per Mps. Siamo consapevoli che dopo le ferie ritroveremo l’Italia con più abbronzati, ma con gli stessi problemi di adesso. Da noi non si fanno miracoli, figuriamoci d’estate. Buone vacanze a lettori, abbonati ed inserzionisti.