UNICREDIT: SOSTITUIRE GHIZZONI UN ELENCO DI PAPABILI

L’amministratore delegato della Cassa depositi e prestiti, Fabio Gallia  non ha intenzione di approdare in Unicredit  al posto dell’ad dimissionario, Federico Ghizzoni. Lo ha confermato a chiare lettere lo stesso Gallia, dal palco del 46esimo convegno dei giovani di Confindustria. “Non leggete i giornali, dimentichiamoci Unicredit , non ci entro neanche”, ha detto, rammentando di aver preso un impegno con il presidente della Cassa, Claudio Costamagna, “stiamo facendo un lavoro molto bello e importante, cerco di fare meno danni possibili. Rimango lì”. Il cda di Unicredit  si è limitato a tracciare un profilo del nuovo ceo: un manager, preferibilmente di provenienza esterna alla banca, con competenza internazionale, visione strategica ma, soprattutto, capace di entrare in sintonia da subito con il mercato. Nessuna pregiudiziale, invece, sulla nazionalità del futuro amministratore delegato. L’importante è che conosca a fondo il settore bancario. I papabili circolano da giorni: oltre a Fabio Gallia e Claudio Costamagna la lista include Marco Morelli (BofA-Merrill Lynch), Gaetano Miccichè (Banca Imi), Alberto Nagel (Mediobanca ), Flavio Valeri (Deutsche Bank  Italia), Giampiero Maioli (Credit Agricole ), l’ex Jean Pierre Mustier e Andrea Orcel (Ubs).