Unioncamere e lotta alla criminalità

Il Veneto, regione economicamente più attrattiva del Nord Est, ha visto aumentare rapidamente il numero di beni confiscati alle organizzazioni criminali, frutto di operazioni di riciclaggio e usura. In occasione della “Giornata nazionale della legalità”, mercoledì 21 marzo, Unioncamere Veneto evidenzia l’importanza della lotta alla criminalità e il suo ruolo attivo nella diffusione della cultura della legalità e promozione di rapporti corretti in ambito imprenditoriale ed economico. «Nella nostra regione la criminalità ha dimostrato di essere in grado di intaccare il tessuto socio-economico del territorio – sottolinea Mario Pozza, presidente di Unioncamere Veneto -. Il Veneto, come le altre regioni del Nord, attrae possibilità di riciclaggio che le organizzazioni criminali utilizzano per far fruttare i guadagni illegali, mascherandoli con investimenti in attività commerciali e imprenditoriali. È importante quindi conoscere, analizzare, raccontare per poi elaborare nuove strategie, anche culturali, di contrasto e prevenire. Per queste ragioni Unioncamere Veneto porta avanti una solida collaborazione con le forze dell’ordine e con tutti coloro che si battono per combattere l’illegalità al fine di realizzare efficaci iniziative di contrasto alle infiltrazioni mafiose e tutelare gli imprenditori onesti. Siamo convinti, infatti, che il rispetto della legalità costituisce non solo un pilastro imprescindibile di ogni civile convivenza ma anche un fattore fondamentale e condizione per il vero sviluppo economico, sociale e umano». Il Sistema camerale dispone di preziosi strumenti a tutela della trasparenza dell’impresa e del mercato, a partire dal Registro delle Imprese, oggi completamente telematico: una banca dati con oltre nove milioni di persone fisiche tra imprenditori, soci, amministratori, sindaci e dirigenti di società; oltre sei milioni di imprese registrate; novecento mila bilanci depositati ogni anno. InfoCamere, la società consortile che si occupa dell’aspetto informatico del Sistema camerale, ha messo a disposizione delle Camere di Commercio e forze dell’ordine modalità di consultazione al Registro Imprese sempre più affinate che consentono di approfondire e velocizzare le indagini. In collaborazione con Libera è stato attivato a maggio 2014 lo Sportello di ascolto “SOS giustizia”, operativo presso la Camera di Commercio di Padova per conto di tutte le Camere venete.