VEGAS: CONTANO SOLO RISORSE PER IL GIORNALE

Intesa Sanpaolo non si esprime sulla vicenda Rcs, che vede due offerte contrapposte. Lo ha detto il presidente Gian Maria Gros-Pietro a margine della inaugurazione della nuova sede di Prima Industrie. Intesa è socia di Rcs, creditrice e adviser di Cairo Communication, che ha lanciato un’ops sull’editore del Corriere della Sera.”Non mi esprimo, ci sono due offerte. Certamente faremo le nostre valutazioni nel cda (di Intesa). C’è un cda ma la vicenda non e all’ordine del ordine del giorno”, per Gros-Pietro. Oltre all’ops tutta in carta di Cairo Communication, su Rcs c’è un’opa a 0,7 euro di una cordata composto da Investindustrial, della Valle, Mediobanca, Pirelli e UnipolSai che al momento appare favorita.“Entro l’estate la situazione si chiarirà”. A dirlo Giuseppe Vegas, il presidente della Consob, nel corso della registrazione della puntata di 2Nexti, parlando della situazione di Rcs. “Ci sono due cordate che si stanno guardando e forse rilanceranno”, ha spiegato. “L’importante”, ha concluso poi, secondo quanto riportano le agenzie, “è che dopo il giornale abbia risorse sufficienti per andare avanti”. Le due partite, su Unicredit e Rcs, paiono ancora apertissime per quanto intrecciate, col numero uno di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, che sembra aver già messo in moto le macchine per trovare ulteriori soggetti (fondi di private equity) in grado di rilanciare sul fronte Rcs, evitando al tempo stesso di favorire il rafforzamento, per quanto parziale, di un concorrente sul mercato del credito in Italia.