VOLKSWAGEN TIRA FUORI 15 MILIARDI DI DOLLARI

Il gruppo automobilistico tedesco Volkswagen, oggi guidato da Matthias Muller, è pronto a sborsare 15 miliardi di dollari per porre fine negli Usa alle cause civili del Dieselgate, lo scandalo delle false emissioni. Si tratta della cifra più alta per una class action negli Stati Uniti. Lo rende noto l’agenzia Bloomberg, dopo che da tempo girava voce di un accordo intorno ai 10 miliardi di dollari. Secondo diversi giornali americani l’accordo dovrebbe essere basato su un piano in via di approvazione che prevede un risarcimento di 14,7 miliardi di dollari complessivi da utilizzare per riacquistare o riparare i veicoli interessati dallo scandalo delle emissioni diesel e per risarcire ciascun proprietario. La trattativa vede coinvolti il governo federale americano e i legali che rappresentano i proprietari di circa 475 mila veicoli Volkswagen. L’idea è che i proprietari siano rimborsati con 7.000 dollari per coprire il valore dei loro veicoli con una compensazione fino a 10 mila dollari.L’ultimo dato supera di gran lunga qualsiasi precedente accordo civile degli Stati Uniti con una casa automobilistica.